mercoledì 18 luglio 2007

CASISTICA UFO A TARANTO ANNO 1974

Corriere del Giorno : 01 agosto 1974
Uno strano Fungo Luminoso……………………“UFO CAPARBIO SU S.VITO A CACCIA DI TESTIMONI”E’ comparso ieri mattina alle ore 4,15 ed è ricomparso ieri sera alle ore 23.00.Ci risiamo, gli Ufo si rifanno vivi e questa volta non girano in provincia, ma puntano direttamente sulla città. Sono le 4,15 e Pietro NIGRO si appresta a prendere servizio. E’ dipendente dell’AMAT (Azienda Municipalizzata Autotrasporti Taranto) in qualità di autista e deve correre al deposito e, quindi, andare a prelevare con il Bus gli operai della Italsider che smontano dal turno di notte. Esce dalla sua casetta di S.Vito dove abitatutto l’anno con la sua giovane moglie e i genitori, accompagna il suo pastore tedesco per i bisognini mattutini e approfitta per godersi l’arietta che, a quell’ora, filtra tra i pini. Una grossa luce attira la sua attenzione a circa 300 metri oltre i pini e alta sul mare che costeggia Viale del Tramonto, di circa 400 metri. La grossa illuminaria è formata da due coppe che si irradiano a vicenda. Pietro Nigro, un pacioccone giovanotto di 28 anni, pescatore dilettante e quindi elemento calmissimo, sorride……preoccupato, rientra con il cane. Esce di nuovo fuori e in cielo nero di calamaio rivede questo corpo luminoso nel frattempo spostato di una novantina di gradi. Niente coraggio e via al lavoro. In macchina verso Taranto, all’altezza della “Lampara”(noto ristorante locale), l’ombrello di luce ricompare davanti al mezzo come se ce l’avesse proprio col dipendente dell’AMAT, esegue una picchiata a velocità paurosa quasi volesse schiantarsi al suolo. A 100 metri dalla Opel del Nigro, l’ombrello si blocca, rimanendo sospeso una decina di metri dall’asfalto che irradia a giorno. Pietro ora perde la calma, anzi si fa prendere dal panico, marcia indietro repentina e di corsa verso casa. Nel vialetto di Via Meda dove abita, intravede dei fari a senso inverso. Si avvicina e racconta trafelato agli occupanti il suo stranissimo incontro mattutino. In macchina c’è Francesco CATAPANO (un finanziere in licenza), suo padre Cosimo e un amico, Angelo STANTE. Tutti e tre stanno andando a pesca e hanno notato la grossa luce. A Francesco Catapano, Pietro racconta che poco prima, l’oggetto luminoso ha tentato di…..investirlo e insieme ritornano sul posto al viale del Tramonto. La scena si ripete, e questo è Franco (un robusto giovanotto di 33 anni) a far bloccare la macchina per …studiare il fenomeno. A questo punto il racconto deve seguire due strade. L’una quella del protagonista principale che segue nello specchietto retrovisore l’ombrello di luce fino alle 5,30 quando giunge finalmente /e in ritardo) al deposito dietro il MAZZOLA (ex Stadio Comunale), L’altra parte del racconto, invece, segue le piste della famiglia Catapano. Questi tornano indietro e mettono al corrente le proprie donne. Gran levata generale fuori programma e via tutti a guardare l’Ufo. Le donne inforcano il canocchiale e notano sulla cupola superiore per intenderci quella più grande, tre lunghe ANTENNEA “ W “ ed è un oggetto caparbio che ce l’ha con Pietro Nigro. In serata è ricomparso anche se a distanza notevole e a S,Vito ha calamitato l’attenzione di tantissima gente.

Corriere del Giorno : 07 agosto 74
Ancora apparizioni “Gli Ufo adesso in formazione di Ventuno ?”Continuano gli avvistamenti di strani oggetti luminosi che percorrono da qualche giorno, il cielo della nostra provincia. Le telefonate in redazione si susseguono e tutte cariche di emozione. Iera sera, alcuni cittadini ne hanno visti 21 navigare in una specie di formazione che ha solcato il cielo di Taranto, lasciando dietro di se una scia luminosa di un colore giallo acceso con sfumature bluastre. Suggestione collettiva ? .Le persone che asseriscono di aver visto gli Ufo sembrano persone di buon senso, e più di qualcuno, anche difficilmente suggestionabile. Non si tratta soltanto di giovani ma anche di uomini di una certa esperienza di vita vissuta. Comunque abbiamo voluto fare una rapida indagine negli ambienti militari per sapere se le vedette avessero notato qualcosa di sospetto. Ma, a quanto pare, gli occhi delle forze armate, che pure sono dotate di particolari strumenti, adatti a scrutare i cieli, non hanno avvistato alcunchè di sospetto.

1 commento:

andrea altomare ha detto...

salve,sn lo stesso ragazzo della scorsa volta ke ha avvistato un ufo di mattina presso san vito.
e bene si,stasera ci è stato un altro avvistamento da parte dei miei genitori,ovvero mio padre e mia madre,sempre esposti al balcone piu o meno nello stesso punto della scorsa volta.sembrava praticamente lo stesso identico ufo della scorsa volta.è stato avvistato alle ore 20.05 presso la zona battaglia/san vito.essendo l'ora del tramonto l'oggetto uguale alla scorsa volta,assumeva colori ke riflettevano la luce solare ke in quel momento era di color arancione,giallo e rosso.insomma i colori del tramonto.era stazionario come la scorsa volta,e dopo un po d tempo si è diretto di nuovo presso la zona chiatona/calabria lentamente.io nn sn testimone ma cm sn tornato stasera da casa i miei mi hanno riferito dell'accaduto. i miei dati gli avete quindi caso mai contattatemi come la scorsa volta all'ora di pranzo possibilmente.grazie e arrivederci